Un verde futuro

Con tutte le cose orribili cui assistiamo o di cui sentiamo parlare ogni giorno,di una notizia come questa c’è bisogno come fosse ossigeno: grazie sig.ra Di Rienzo, per avermene reso partecipe col suo blog!

Lunanuvola's Blog

Piplantri è un villaggio indiano del Rajasthan che comprende circa 8.000 persone. Probabilmente è un po’ difficile da individuare a colpo d’occhio sulle cartine geografiche, anche se di recente la stampa si è accorta della sua esistenza e ha espresso adeguata meraviglia rispetto alle pratiche in uso colà da diversi anni. Il suo consiglio di villaggio (panchayat) ha infatti messo in moto un meccanismo che lega la riforestazione dei terreni comuni, il miglioramento delle condizioni economiche dei residenti e il futuro delle bambine in un paese in cui gli aborti selettivi e l’abbandono o la soppressione delle neonate sono un problema serio. Ecofemminismo, se vogliamo.

piplantri

Il villaggio pianta 111 (centoundici) alberi per ogni bambina che viene al mondo, desiderata o meno. Alberi da frutta, neem, sheesham, amla: negli ultimi sei anni ne hanno piantati più di 250.000 e per evitare che fossero infestati dalle termiti li hanno…

View original post 231 more words

La libreria fantasma

Troppo bello per non ribloggarlo…. e se veramente porta a un nuovo romanzo della signora Di Rienzo, non posso che gioirne!

Lunanuvola's Blog

(Reina A.E. Gattuso, scrivendo questo pezzo per “The Crimson” un paio di giorni fa, non immaginava di certo che mi avrebbe convinta a cominciare un altro romanzo… E’ ok, Reina, le azioni hanno conseguenze, tutto qui. E come “Le Nebbie di Avalon” ricordano: attenta a ciò che chiedi, perchè potresti ottenerlo… Traduzione, adattamento, umorismo, fuochi d’artificio e coriandoli, Maria G. Di Rienzo.)

writing

Virgina Woolf sedette nella libreria di Oxford immaginando i libri che la sorella di Shakespeare non pubblicò.

A volte, mentre cammino nella profondità del ventre di Widener (Ndt.: la principale libreria di Harvard) sento l’incredibile pressione dei libri che non ci sono.

C’è una Widener fantasma piena di libri che non sono stati scritti.

C’è un libro che io non ho scritto quando ho messo tutte le mie energie nel non mangiare, e c’è un libro che non ho scritto quando mi sentivo stramba per essermi innamorata di…

View original post 700 more words